L’ultimo numero della rivista EJOI ha pubblicato un interessante lavoro scientifico, dal titolo :Subcrestal placement of dental implants with an internal conical connection of 0.5 mm versus 1.5 mm: Outcome of a multicentre randomized controlled trial 1 year after loading”.

I sei clinici italiani che hanno condotto la ricerca multicentrica ( Dr. Federico Gualini, Dr. Sergio Salina, Dr. Fabio Rigotti, Dr. Cristian Mazzarini, Dr. Diego Longhin, Dr. Mauro Grigoletto) hanno indagato le eventuali differenze nel comportamento del tessuto osseo peri-implantare posizionando impianti sotto-crestali a profondità protocollare (0,5mm) ma anche più pronunciata (1,5mm). 

Per effettuare questo studio, 120 impianti Axiom ® REG sono stati posati in 60 pazienti che necessitavano 2 riabilitazioni implantari singole. Il livello di profondità (0,5 mm o 1,5 mm) è stato determinato casualmente.

Sito 15 scelto per ricevere un impianto a 0.5mm sotto cresta. Il 16 a 1,5 mm. I livelli di profondità sono stati scelti casualmente.

Radiografia postoperatoria che mostra chiaramente la differenza nel posizionamento profondità. 

I risultati ottenuti dopo il carico protesico ad 1 anno non indicano differenze cliniche o statistiche significative.

 

   

Vista Vestibolare

Radiografia dopo un anno

 

 Dr Gualini, clinico italiano. 

 

Gualini, F., et al. "Subcrestal placement of dental implants with an internal conical connection of 0.5 mm versus 1.5 mm: Outcome of a multicentre randomised controlled trial 1 year after loading." European journal of oral implantology 10.1 (2017): 73.

 

  • Leggi l'articolo : qui